Tumore al polmone: sintomi, prevenzione, mortalità e sopravvivenza

26 gennaio 2014

Sintomi

I principali sintomi del tumore al polmone sono:

  • tosse secca o con catarro (talora striato di sangue),
  • piccole perdite di sangue con i colpi di tosse (emottisi),
  • difficoltà respiratorie,
  • dolore al torace,
  • perdita di peso,
  • affanno, raucedine,
  • perdita di appetito,
  • sensazione di stanchezza,
  • difficoltà a deglutire,
  • gonfiore al viso e/o alle vene del collo.

Importante sottolineare che non sempre si manifesta in modo eclatante nelle prime fasi ed i sintomi sono comuni a molte altre malattie polmonari.

Ricordiamo infine che il sito dell'AIRC riporta chiaramente che "la perdita di sangue nelle secrezioni delle mucose non è invece collegata al tumore polmonare, se non molto raramente" (fonte), quindi questi casi vanno sempre segnalati al medico, ma senza saltare a conclusioni affrettate.

Diagnosi

La visita serve a valutare le condizioni generali di salute, inclusa la ricerca di sintomi di malattia, come noduli o qualsiasi altro elemento insolito. Sarà inoltre eseguita un’anamnesi delle abitudini di salute del paziente, tra cui il fumo, i posti di lavoro occupati in passato, le malattie contratte e i trattamenti eseguiti negli anni passati.

Possono essere richiesti esami e procedure mediche che esaminano campioni di tessuto, sangue, urina o altre sostanze dell’organismo. Questi esami aiutano a diagnosticare la malattia, a pianificare e concordare il trattamento o a monitorare la malattia nel tempo.

  • Radiografia del torace: E’ una radiografia degli organi e delle ossa che si trovano nel torace. Una radiografia è un fascio di energia in grado di attraversare il corpo e fissarsi su una pellicola fotografica, visualizzando l'immagine delle strutture interne dell'organismo.
  • TAC del cervello, torace e addome: Una procedura che acquisisce una serie di immagini dettagliate delle strutture che si trovano all’interno dell’organismo, inquadrate da angolature diverse. Le immagini sono realizzate da un computer collegato a una macchina a raggi X. Un colorante può essere iniettato in una vena o ingerito per consentire agli organi o ai tessuti di essere visualizzati in maniera più chiara. Questa procedura è chiamata anche tomografia computerizzata o tomografia assiale computerizzata.
  • Esame citologico dell'escreato: Un microscopio viene utilizzato per verificare la presenza di cellule tumorali nel catarro (muco espettorato dai polmoni).
  • Biopsia: Rimozione di cellule o tessuti per essere esaminati al microscopio da un patologo per ricercare eventuali segnali di cancro.
  • Broncoscopia: Una procedura che consente di guardare all’interno della trachea e delle grandi vie polmonari per ricercare aree anomale. Un broncoscopio viene inserito attraverso il naso o la bocca per giungere nella trachea e nei polmoni. Un broncoscopio è uno strumento sottile, tubolare con una luce e una lente utilizzate per l’ispezione. Esso può anche essere costituito da uno strumento utilizzato per prelevare campioni di tessuto, che vengono analizzati al microscopio alla ricerca di eventuali segnali di cancro.

Diffusione e sopravvivenza

La prognosi (probabilità di guarigione) e le possibilità di trattamento dipendono dai seguenti fattori:

  • Lo stadio del cancro (la dimensione del tumore e la probabilità che sia localizzato solo al polmone o diffuso ad altre parti del corpo).
  • La tipologia di cancro ai polmoni.
  • La presenza di sintomi quali tosse o problemi respiratori.
  • Lo stato di salute generale del paziente.

Questa malattia da sola rappresenta il 20 per cento di tutti i tumori maligni nelle persone di sesso maschile, ma è purtroppo in aumento anche fra le donne in quanto da anni il vizio del fumo si è radicato anche nell'altro sesso.

Secondo statistiche americane la sopravvivenza a cinque anni è pari a 16.6% e colpisce indicativamente 61 persone ogni centomila.

Fattori di rischio

Fumare sigarette, pipe o sigari è la causa più comune di cancro al polmone. All’aumentare della frequenza e degli anni in cui una persona fuma, aumenta anche il rischio di cancro.

Se una persona smette di fumare, il rischio si riduce con il passare degli anni.

Tutto ciò che aumenta la probabilità di contrarre la malattia è chiamato fattore di rischio. Avere un fattore di rischio non significa che ci si ammalerà di cancro e non avere fattori di rischio non significa che non sarà possibile ammalarsi di cancro.

Studi hanno dimostrato che fumare sigarette a basso contenuto di catrame o di nicotina non riduce il rischio di cancro ai polmoni. Sempre dalla ricerca scopriamo che i fumatori hanno un rischio di cancro ai polmoni 20 volte maggiore dei non fumatori.

Tra gli altri fattori di rischio ricordiamo:

  • Essere esposti al fumo passivo.
  • Avere una storia familiare di cancro ai polmoni.
  • Essere trattati con radioterapia al seno o al torace.
  • Essere esposti ad amianto, cromo, nichel, arsenico, fuliggine o catrame sul posto di lavoro.
  • Essere esposti al radon nella propria abitazione o sul posto di lavoro.
  • Vivere in un luogo con inquinamento atmosferico.
  • Aver contratto il virus dell'immunodeficienza umana (HIV).
  • Utilizzare integratori di beta carotene ed essere un grande fumatore.

Quando il fumo è combinato ad altri fattori di rischio, il rischio di è maggiore.

Prevenzione

Evitare i fattori di rischio e aumentare i fattori di protezione può aiutare a prevenire il cancro ai polmoni:

  • Non fumare o smettere di farlo: in una persona che ha smesso di fumare, la possibilità di prevenire il cancro dipende dal numero di anni in cui è stato un fumatore, dalla quantità di sigarette che ha fumato e dal periodo di tempo in cui ha smesso. Dopo che una persona ha smesso di fumare da 10 anni, il rischio di cancro ai polmoni si riduce del 30% -50%.
  • Minore esposizione ai fattori di rischio sul posto di lavoro: le leggi che tutelano i lavoratori dall'essere esposti a sostanze cancerogene, come l'amianto, l'arsenico, il nichel e il cromo, possono contribuire a ridurre il rischio. Le leggi che vietano di fumare nei luoghi di lavoro contribuiscono a ridurre ulteriormente il rischio causato dal fumo passivo.

Non è invece al momento chiaro se i seguenti fattori riducano il rischio di cancro ai polmoni:

  • Dieta:  alcuni studi dimostrano che le persone che mangiano grandi quantità di frutta o verdura hanno un minor rischio rispetto a quelle che ne mangiano in piccole quantità. Tuttavia, dato che i fumatori tendono ad avere una dieta meno sana rispetto ai non fumatori, è difficile sapere se la riduzione del rischio è dovuta al seguire una dieta sana o al non fumare.
  • Attività fisica:  alcuni studi dimostrano che le persone che sono fisicamente attive hanno un minor rischio di cancro ai polmoni rispetto alle persone che non lo sono. Tuttavia, dato che i fumatori tendono ad avere diversi livelli di attività fisica rispetto ai non fumatori, è difficile sapere se l'attività fisica influenza il rischio di cancro ai polmoni.

Metastasi

Questo tumore può diffondersi alle strutture vicine (come la pleura e il diaframma), per via linfatica ai linfonodi o attraverso il flusso sanguigno: in questo ultimo caso si presenterà con metastasi a distanza.

Quasi tutti gli organi possono venire colpiti: il fegato, il cervello, i surreni, le ossa, i reni, il pancreas, la milza e la cute.

  • Cervello
  • Cute
  • Fegato
  • Milza
  • Ossa
  • Pancreas
  • Rene
  • Surrene

Polmone

I polmoni sono due grandi organi situati nel petto e fanno parte dell’apparato respiratorio.

L'aria entra nel corpo attraverso il naso o la bocca, passa attraverso la trachea e i bronchi per giungere ai polmoni.

Quando inspiriamo, i polmoni si espandono con l'aria ed in questo modo il corpo riceve l’ossigeno, mentre  quando espiriamo, l'aria esce da questi organi ed il corpo si libera dell’anidride carbonica.

Il polmone destro è costituito da tre parti (lobi), mentre quello sinistro è più piccolo ed è costituito da due soli lobi.

All'interno del torace due sottili strati di tessuto (pleura) li avvolgono separandoli dagli altri organi e permettendone il movimento.

Le tipologie di cancro più comuni sono denominate in base al modo in cui le cellule tumorali appaiono al microscopio:

  • A piccole cellule: Le cellule del carcinoma polmonare a piccole cellule appaiono piccole al microscopio. Circa una persona su otto con cancro ai polmoni presenta un carcinoma polmonare a piccole cellule.
  • Non a piccole cellule: Le cellule di un carcinoma polmonare non a piccole cellule sono più grandi rispetto alle cellule di un carcinoma polmonare a piccole cellule. La maggior parte delle persone (circa 7 su 8) con diagnosi di cancro al polmone presenta un carcinoma polmonare non a piccole cellule. Questo carcinoma cresce e si sviluppa a una velocità inferiore rispetto al carcinoma polmonare a piccole cellule e viene trattato in modo diverso.

Fonte: Revisione scientifica a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Traduzione a cura di Sabrina Armenise

Domande e commenti

  1. marta

    ultimamente, ho problemi di
    mal di stomaco, localizzato al fianco sx, sono una forte fumatrice e, tossisco poco. non so se e’ l’ansia, ma mi pare di respirare male! ho paura…

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Età?
      Il dolore cambia in base al prima/dopo pasti?
      Soffre d’ansia?

    Rispondi
  2. Pingback: Tumore ai polmoni: prevenzione e alimentazione

  3. Pingback: Tumori ed esami del sangue: quali valori?

  4. Pier

    Salve. Volevo dirle che unmese fa facendo un rx toracico mi anno riscontrato…. Falda con versamento pleurico in atto o pregresso… Dopo aver fatto una cura. Ripeto il torace e la diagnosi e la stessa. Cosa mi consiglia.

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Avverte sintomi?
      Per quale motivo è stata richiesta la RX?

    2. Anonimo

      Facevo fatica a respirare e il pleumologo della mia ASL di competenza mi a richiesto un torace .dagli analisi fatti i linfociti sono alti

    3. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Che tipo di cura è stata prescritta?
      I sintomi li accusa ancora?

    Rispondi
  5. Anonimo

    Antibiodici e cortisoni x 10 giorni ma ora o finito oggi o ripetuto l emocromo e VES …il bello che alla TAC risulta libero da versamento ..
    Un po di paura la ho

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      I sintomi sono spariti? Consideri che il versamento può richiedere tempo a rientrare, pur essendo guarito.

    2. Anonimo

      Quanto tempo rickiede …x ora sto a casa senza prendere nessuna freddura …nn sto lavorando sto in malattia

    3. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Quando è prevista la visita di controllo?

    Rispondi
    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      OK, attraverso la visita riuscirà a trovare risposta ai suoi legittimi dubbi.

      Mi tenga al corrente.

    Rispondi
  6. Pier

    Salve o fatto la visita e mi a detto che dalla tac e libero da versamento tranne ancora qualche residuo ma e puro vero mi a detto che. Se ne andato in un modo anomalo mi a dato una cura un po lunga.. E anche un analisi particolare x la tubercolosi x escludere se ce un batterio…. Io mi domando ma enormale che questo versamwnto. Se riassorbito nel giro di pochi giorni….? Anche a luigli e sembrato strano almeno cosi a pensato anche mia moglie! Lei che ne pensa. Cordiali saluti e mi scusi

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Normale no, nel senso che in un paziente sano in genere non si verifica, ma l’importante è che si stia riassorbendo.

    Rispondi
  7. Demetrio

    Salve,mi scusi il disturbo , ho 20 anni e da circa 5 giorni ho dei dolori alla schiena alternati da sotto le scapole fino a circa metà schiena, a volte al lato dx a volte al sx, però non sono continui , avvengono soprattutto se cambio posizione , una mattina anche ad ispirare ma è successo solo una volta , appena svegliato..tutto ciò è cominciato in coincidenza di un raffreddore che ho preso con tosse catarrosa e da subito espello molto muco dal naso..sono un individuo molto ansioso , e oggi mi sentivo una pesantezza dietro la schiena e nel davanti al torace con alcuni doloretti pure li ma molto alterni, ho anche dispnea , anche se riesco a fare ancora tutto e non mi manca l’appetito…ora mi può togliere il dubbio che sia tumore ai polmoni? ho controllato le dita e non sono gonfie , Premesso che io non fumo, ma tutta questa preoccupazione è data perchè ho sempre vissuto in un ambiente di fumo passivo(molti miei famigliari fumano)…ora può essere per via dell’ansia o di altri problemi polmonari o muscolari? la ringrazio e mi scuso per il disturbo

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      Tumore sicuramente no.
      Ci sono ancora sintomi respiratorio come la tosse?

    Rispondi
  8. Demetrio

    Guardi tosse l’ho ma perchè la provoco io perchè sento del muco in gola , ma non è stizzosa , diciamo che la creo io perchè cosi mi sento la gola più libera per poter respirare (sensazione) , dice che potrebbe c’entrare come sintomo?

    1. Dr. Guido Cimurro
      Farmacista

      L’unico dubbio in questi casi è un po’ di bronchite (od al limite polmonite, ma non mi sembra il suo caso); facendosi auscultare dal medico si toglie il dubbio un 30 secondi.

    Rispondi

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.