Tumore al fegato: sintomi, sopravvivenza e cause

22 gennaio 2014

Sintomi

Il tumore al fegato in fase iniziale spesso non provoca sintomi.

Quando invece si sviluppa è possibile accusare uno o più dei seguenti sintomi:

  • Dolore nella parte superiore dell’addome sul lato destro,
  • Nodulo o sensazione di pesantezza nella parte superiore dell'addome,
  • Addome gonfio (gonfiore),
  • Perdita di appetito e senso di pienezza,
  • Perdita di peso,
  • Debolezza o sensazione di stanchezza,
  • Nausea e vomito,
  • Pelle e occhi di colore giallo, feci pallide, e urine scure dovute a ittero,
  • Febbre .

Questi sintomi possono essere causati da un tumore o da altri problemi di salute, se ne riconosci alcuni è consigliabile informare il medico in modo da individuare una diagnosi e una terapia il più presto possibile.

Diagnosi

Se hai dei sintomi che fanno pensare ad un tumore al fegato, il medico cercherà di scoprire le cause del problema.

Ti potrà essere prescritto uno o più dei seguenti esami:

  • Esame obiettivo: il medico tasta l'addome per controllare il fegato, la milza e gli altri organi vicini per verificare la presenza di eventuali noduli o cambiamenti nella forma o nella dimensione dell'organo. Controlla anche la presenza di ascite, un accumulo anomalo di liquido nell'addome. Inoltre, può controllare la pelle e gli occhi per individuare segnali di ittero.
  • Esami del sangue: Molti esami del sangue possono essere utilizzati per verificare eventuali problemi al fegato. Un esame del sangue è in grado di rilevare l’alfa-fetoproteina (AFP). Alti livelli di AFP potrebbero rappresentare un segnale di allarme. Altri esami del sangue possono mostrare il grado di funzionalità dell'organo.
  • Tomografia computerizzata (TAC): Una macchina a raggi X collegata a un computer acquisisce una serie di immagini dettagliate del fegato e di altri organi e vasi sanguigni dell'addome. È possibile che venga iniettato del mezzo di contrasto in modo che il fegato sia visualizzato con chiarezza nelle immagini. Sulla TAC, il medico può rilevare i tumori in varie parti dell’addome.
  • Risonanza magnetica (RM): Una grande macchina con un forte magnete collegato a un computer è utilizzata per rilevare delle immagini dettagliate delle strutture interne al corpo. A volte un mezzo di contrasto consente alle aree anomale di essere visualizzate più chiaramente sull'immagine.
  • Ecografia: Il dispositivo a ultrasuoni utilizza onde sonore che non possono essere udite. Le onde sonore producono una serie di echi che rimbalzano negli organi interni. Gli echi creano un'immagine (ecografia), del fegato e di altri organi dell'addome. I tumori possono produrre echi diversi dagli echi realizzati dai tessuti sani.
  • Biopsia: Una biopsia di solito non è necessaria per diagnosticare questo tumore ma, in alcuni casi, il medico può rimuovere un campione di tessuto. Un patologo utilizza un microscopio per verificare la presenza di cellule tumorali nel tessuto. Il medico può prelevare il tessuto in uno dei seguenti modi:
    • Un ago attraverso la pelle: Il medico inserisce un ago sottile nel fegato per rimuovere una piccola quantità di tessuto. La TAC o l'ecografia possono essere utilizzate per guidare l'ago.
    • Chirurgia laparoscopica: Il chirurgo esegue piccole incisioni nell'addome. Un tubo sottile e illuminato (laparoscopio), viene inserito attraverso l'incisione.
    • Chirurgia invasiva: Il chirurgo può rimuovere il tessuto attraverso una grande incisione.

Diffusione e sopravvivenza

È un tumore abbastanza raro, anche se la diffusione varia molto a seconda delle zone (è per esempio più diffuso in Asia), mentre sono più frequenti i tumori secondari, ovvero le metastasi, che colonizzano il fegato provenendo da altri organi.

In base alle statistiche americane (anni 2003-09) colpisce ogni anno circa lo 0.77% della popolazione e la sopravvivenza media a cinque anni è del 16.1%.

Fattori di rischio

Quando ci viene diagnosticato un cancro, è naturale chiedersi cosa possa aver causato questa malattia. I medici non sanno spiegare perché una persona può essere colpita ed un’altra no, tuttavia è risaputo che le persone con determinati fattori di rischio possono avere maggiore probabilità di altre di sviluppare il cancro al fegato.

Gli studi hanno rilevato i seguenti fattori di rischio per il cancro al fegato :

  • Età e sesso: Colpisce più gli uomini che le donne, in particolar modo dopo i 60 anni.
  • Infezione da virus dell'epatite B (HBV) o virus dell'epatite C (HCV): Il cancro al fegato si può sviluppare dopo molti anni di infezione provocata da uno di questi virus, che nel mondo sono la causa principale. Anche se le infezioni da HBV e HCV sono malattie contagiose, il tumore non lo è.
  • Abuso di alcol: Assumere più di due bevande alcoliche al giorno per molti anni aumenta il rischio di sviluppare un cancro al fegato e alcuni altri tumori. Il rischio aumenta con la quantità di alcol che una persona assume.
  • Aflatossina: Il tumore può essere causato dall'aflatossina, una sostanza nociva prodotta da alcuni tipi di muffe. L’aflatossina può formarsi su arachidi, mais e altre noci e cereali. In alcune parti dell'Asia e dell'Africa, i livelli di aflatossine sono elevati.
  • Emocromatosi (malattia da accumulo di ferro): Può svilupparsi il tumore tra le persone con una malattia che induce il corpo a immagazzinare una quantità eccessiva di ferro nel fegato e in altri organi.
  • Cirrosi: La cirrosi è una malattia grave che si sviluppa quando le cellule epatiche sono danneggiate e sostituite da tessuto cicatriziale. Molti fattori causano la cirrosi, tra cui l’infezione da HBV o HCV, l’abuso di alcol, una quantità eccessiva di ferro immagazzinato nel fegato, alcuni farmaci, e alcuni parassiti. Quasi tutti i casi di tumore al fegato negli Stati Uniti si verificano in persone che hanno contratto precedentemente la cirrosi, di solito derivante dall'infezione da epatite B o C, oppure dall’abuso di alcol.
  • Obesità e diabete: Gli studi hanno dimostrato che l'obesità e il diabete possono essere importanti fattori di rischio.

Maggiori sono i fattori di rischio che una persona presenta, maggiore è la probabilità che il cancro si sviluppi; tuttavia, molte persone con fattori di rischio noti, non svilupperanno mai la malattia.

Prevenzione

Evitare i fattori di rischio può aiutare a prevenire alcune tipologie di tumore. I seguenti fattori di rischio possono aumentare il rischio di cancro al fegato.

Epatite B e C

  • Vaccino,
  • Praticare rapporti sessuali protetti da preservativo,
  • Non fare uso di droghe,
  • Affidarsi a centri sicuri per tatuaggi e piercing.

E' stato dimostrato che prevenendo l'infezione da epatite B (sottoponendosi a un vaccino per l'epatite B) si riduce il rischio di cancro al fegato nei bambini. Non è ancora noto se riduce il rischio negli adulti.

Alcool

Bere alcol con moderazione o, meglio, evitarne del tutto il consumo.

Peso

Se il vostro peso attuale è ottimale è importante mantenerlo con una dieta sana ed esercizio fisico; se avete bisogno di perdere peso riducete il numero di calorie consumate ogni giorno e aumentate la quantità di esercizio fisico.

Metastasi

Le cellule del cancro al fegato possono diffondersi staccandosi dal tumore originario. Si diffondono principalmente penetrando nei vasi sanguigni, ma le cellule tumorali si possono trovare anche nei linfonodi.

Queste cellule possono attaccare altri tessuti e crescere formando nuovi tumori, tipicamente possono essere trovate nei polmoni, nelle ossa e nei linfonodi localizzati vicino al fegato.

  • Linfonodi
  • Ossa
  • Polmone

Fegato

Il fegato è l'organo più grande situato all'interno dell’addome.

Si trova dietro le costole sul lato destro del corpo e svolge un lavoro importante per mantenere il corpo in buona salute:

  • Rimuove le sostanze nocive dal sangue.
  • Produce gli enzimi e la bile che aiutano a digerire il cibo.
  • Converte il cibo in sostanze necessarie per la vita e la crescita.

Il fegato riceve il sangue di cui ha bisogno da due vasi, la maggior parte proviene dalla vena porta epatica, mentre la restante  proviene dall’arteria epatica.
La maggior parte dei tumori primari benigni del fegato si forma negli epatociti (cellule del fegato). Questo tipo di cancro è chiamato carcinoma epatocellulare o epatoma maligno.


Fonte: Revisione scientifica a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Traduzione a cura di Sabrina Armenise

Domande e commenti

  1. Pingback: Tumore alla cistifellea ed al fegato: prevenzione e alimentazione

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.